Prenderci cura di voi è il nostro obiettivo

Test, c’e? anche il nostro contributo

Da quando la Regione ha consentito alle strutture private di effettuare il tampone naso-faringeo il Gruppo Ini ha attivato il servizio ed esegue centinaia di tamponi al giorno in una fascia oraria sempre piu? ampia. “Per questa attivita? usiamo la tecnologia diagnostica maggiormente affidabile”. Perche? i test “rapidi”non sono meno rigorosi di quelli molecolari

 

La Regione Lazio ha dato il consenso anche alle strutture private di effettuare il tampone naso faringeo, e questa decisione dovrebbe snellire le file ai drive-in. Tra la popolazione resta comunque uno stato di confusione su quale test, tra quello rapido dell’antigene e quello molecolare, sia piu? attendibile. Inoltre c’e? anche chi erroneamente e? convinto che quello rapido non sia efficace visti i tempi di risposta veloci. Per chiarire tutti questi punti abbiamo parlato con la dottoressa Fabiana Vita, Responsabile della UOC di Patologia Clinica dell’INI di Grottaferrata.

Dott.ssa Vita, il territorio come sta rispondendo a questa offerta?

Dal momento in cui la Regione Lazio ci ha dato il via libera per attivare questo servizio, abbiamo avuto un crescendo di richieste. Solo nella sede di Grottaferrata eseguiamo circa 150 tamponi al giorno. Per soddisfare le esigenze di tutti ed espletare gli appuntamenti nel piu? breve tempo possibile abbiamo allargato la fascia oraria. Ad oggi, il servizio e? erogato dal lunedi? al venerdi? dalle 10 alle 15, mentre il sabato dalle 10 alle 12.

Pensa che l’affollamento dei drive-in e? dettato dalla paura?

Credo che i motivi che spingono una persona a richiedere al proprio medico la prescrizione di un tampone siano molteplici. Spesso capita che la stessa paura e la confusione candidino al test utenti che in realta? non ne avrebbero assolutamente bisogno. In questa fase del contagio, alla luce di varie sintomatologie o di contatti sospetti, non e? facile scegliere se fare o meno il tampone. Inoltre, crescendo il numero dei positivi asintomatici, e? normale aumenti la volonta?, e qualvolta anche la curiosita?, di voler conoscere il proprio stato indipendentemente dalla situazione clinica o epidemiologica.

Il test dell’antigene e? cosi? attendibile come dicono?

Si tratta di un test antigenico rapido e assolutamente affidabilie. La Regione Lazio ha fissato ad almeno 96% la specificita? del test che puo? essere impiegato creando una scrematura tra tutti i prodotti attualmente sul mercato. Ci tengo a dire che nelle nostre strutture la scelta era gia? ricaduta sui test maggiormente affidabili e a chiarire che la dicitura “test rapido” non deve assolutamente far pensare a qualcosa di meno rigoroso di quello molecolare. L’aggettivo “rapido” indica solo la rapidita? con cui viene consegnato l’esito.

Che differenza c’e? tra test dell’antigene e test molecolare?

E? errato pensare che i due test sono in antitesi tra di loro. In realta? infatti, si completano ed entrambi fanno parte di un percorso di diagnosi. Candidare al molecolare solo le persone positive all’ antigenico significa ottimizzare le risorse seguendo dei protocolli di screening diagnostici gia? in uso per altre patologie. Basti ad esempio pensare al virus dell’ epatite B in cui solo coloro che sono positivi all’HBsAg proseguono con le indagini molecolari.

Cerchiamo dunque di fare un po’ di chiarezza. Quando scegliere l’antigene, quando il molecolare e quando il sierologico?

La scelta del test e? legata alla situazione clinica del paziente, alla presenza o meno di un contatto stretto con una persona positiva, al periodo di tale contatto e alle abitudini di vita della persona. Per esempio un ragazzo che va a scuola e? chiaramente diverso da un anziano che sta a casa, o da un lavoratore che viaggia. I tre test si differenziano tra loro in questo modo: i primi due cercano il virus, antigenico e molecolare, il sierologico invece cerca gli anticorpi. La ricerca degli anticorpi, che sono le nostre difese, va spostata piu? avanti per dare il tempo al nostro sistema immunitario di produrli.

Il sierologico dunque e? fondamentale per monitorare il titolo anticorpale e lo sara? ancora di piu? quando sara? necessario valutare l’efficacia dei vaccini.