Prenderci cura di voi è il nostro obiettivo

Prevezione seno – intervista Dott.ssa Silvia D’Onofrio

E? di qualche giorno fa l’articolo di Milena Gabanelli in cui viene stilata una “black list” di strutture sanitarie che utilizzano ancora oggi apparecchiature obsolete. Che fare?

Sincerarsi che la struttura dove ci si reca sia dotata di mammo- grafi digitali e non analogici.
Questi ultimi espongono la donna ad una maggiore dose radiante ed hanno una ridotta capacita? diagnostica con conseguente ritardo nella diagnosi a differenza di quelli digitali che sono in grado di rilevare lesioni inferiori al centimetro, non pal- pabili. L’INI ha investito in tecnologia e possiede nelle varie strutture mammografi di ultima generazione con tecnologia digitale diretta e tomosintesi (3D), quest’ultima in grado di rilevare tumori millimetrici, a volte non apprezzabili con la mammografia standard (2D).

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO